LAB HOME
TECNICHE

Consigli e tecniche

MATERIALI

Attrezzatura e materiali
 

EXPO

Search

Spedizioni

Libri, Guide, Video

Panorami a 360°

Forum

Posta

Weblink
Telecom Italia

Tra l’attrezzatura delle moderne spedizioni alpinistiche ma anche di trekking extraeuropeo sempre più spesso figurano degli efficienti ed affidabili telefoni satellitari, del resto da molto tempo utilizzati anche da chi, per lavoro o diporto, affronta il mare.
In questa scheda presentiamo il Capsat TT-3060A della Thrane & Thrane; un'apparecchiatura per la comunicazioni voce e la trasmissione di dati (e mail, immagini, fax ecc) che sfrutta la nuova tecnologia Mini M e consente di accedere (unicamente digitando il relativo prefisso) direttamente alla rete dei 4 satelliti Immarsat, che salvo alcune zone ai Poli, offrono una copertura globale.

Telecom Italia
Il TT-3060A pronto all'uso.

L'accesso al servizio prevede solo la registrazione e il pagamento di una tariffa presso Provider, come la Telecom Italia Servizi Radiomarittimi e Satellitari, che svolgono funzione di Immarsat Service Provider e Traffic Accounting Authority.

Perché il satellitare
Due le principali motivazioni per cui è consigliabile un telefono satellitare al campo base di una spedizione. In primo luogo la sicurezza: poter comunicare in tempo reale con il più vicino punto di soccorso è fondamentale, anche in zone come l’Himalaya. Lo conferma, ad esempio, l'esperienza di Hans Kammerlander che grazie al telefono satellitare, nella sua ultima spedizione al K2, ha potuto chiedere soccorso e quindi salvare un gruppo di portatori. Poter disporre di questo tipo di apparecchiatura, inoltre, è di estrema importanza per essere aggiornati sulle previsioni meteo, un aspetto essenziale sulle grandi montagne himalayane (ma non solo) per programmare i tentativi alla vetta nelle rare finestre di bel tempo. Da non dimenticare, poi, la possibilità di trasmissione di e mail, foto ecc.

 
 Un click sulle immagini per ingrandirle
 

Capsat TT-3060A Thrane & Thrane chiuso ed i suoi accessori.

Peso e ingombro
Uno dei requisiti per l'attrezzatura da spedizione sono il peso e l'ingombro che devono essere i più ridotti possibili. In questo il terminale TT-3060A non delude: i 3 kg di peso complessivo dei suoi componenti (forniti in una morbida borsa leggermente imbottita) sono più che accettabili, e trovano comodamente posto anche in uno zaino di piccole dimensioni. Questo anche per la notevole compattezza ottenuta sfruttando l'antenna staccabile come un 'coperchio' richiudibile sull'unità elettronica. Quest'ultima, a sua volta, funge da base per l'antenna e la cornetta dotata di fissaggio con calamita, e da alloggiamento per la batteria estraibile. Il tutto in posizione 'chiusa' prende la forma di una piatta scatola metallica, delle dimensioni di cm 25X19X6, ideale sia per robustezza che per ingombro. Sono forniti, inoltre, il carica batterie e due cavi antenna: uno per il collegamento all'unità elettronica nella posizione fissata alla base e l'altro (5, 10, 20 metri le lunghezze opzionali) per antenna staccata. Completano la dotazione, infine, la piccola bussola per posizionare l'antenna e il manuale di utilizzo.

Funzionamento
Altro requisito importante è la facilità d'uso. E, anche in questo, il satellitare della Thrane & Thrane è più che soddisfacente. Come detto il sistema utilizza un'antenna geostazionale da posizionare rispetto all'azimut del satellite della zona in cui si opera. Per far questo è possibile utilizzare la mappa e la bussola fornita con l'apparecchio. Oppure, semplicemente, spostarne l'antenna affidandosi al segnale di controllo, sia acustico sia visualizzato sul display, che il satellite invia rispetto alla posizione corretta o meno dell'antenna stessa.

Buona anche l'autonomia della batteria, peraltro ricaricabile facilmente e in breve tempo collegandole ad un pannello solare. In media una ricarica dura 48 ore, ma usando alcune accortezze, tipo quella di tenere le batterie estraibili al caldo, può durare anche fino a 3 giorni, con una media di 3/4 telefonate fatte e ricevute. Buona anche la resistenza alle temperature 'difficili'. L'apparecchiatura è testata dalla casa per affrontare temperature tra -25 e +55 °C, un range soddisfacente se si considera anche che è possibile la trasmissione anche all'interno di una tenda. Sul fronte della trasmissione dati, infine, l'apparecchiatura ha dimostrato una buona velocità per l'invio di email mentre diventa normalmente molto più lenta se si allegano file di immagine.

In conclusione alla prova sul campo il TT-3060A e la tecnologia Mini M Immarsat si sono dimostrati degli ottimi compagni di spedizione!


Telecom

Area Zoom >>>>
Per poter visualizzare la pagina è necessario il plug-in di flash5
  "Alla prova sul campo il TT-3060A e la tecnologia Mini M Immarsat si sono dimostrati degli ottimi compagni di spedizione!"
 
Hans Kammerlander con il Capsat TT-3060A Thrane & Thrane.
 
- Leggero e compatto
- consumi contenuti
- copertura globale, interconnessione indipendente per ogni destinazione
- ottima trasmissione fonia.
 
- trasmissione immagini lenta
  DATI TECNICI
- Capsat TT 3060A
fonia, fax, dati, e-mail
Alimentazione 9 - 18 Vcc

Dotazione base
Unità Elettronica
Unità Antenna
Cavo Antenna 5 m (opz. 10 - 20 m)
Pacco batterie 48h/2.5h
Adattatore rete AC 110/220
Cavo Alimentazione con adattatore tipo accendisigari
Interfaccia per pannello solare
Interfaccia per SIM Card
Valigia di trasporto morbida
Temp. operativa – 25°C + 55°C

Immarsat Mini M: possibilità di effettuare comunicazioni voce, facsimile e dati a bassa velocità a costi più contenuti rispetto ai sistemi Inmarsat A e B così come per l'Inmarsat M.
 

Il TT-3060A completo della borsa.



Telecom
| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.
[include:'/incl/analytics.lasso',Encodenone]