Home page Planetmountain.com

arrowLab arrowMateriali arrowThe North Face Baselayer

The North Face Baselayer

Quando The North Face lancia un nuovo prodotto, significa che è stato studiato e testato veramente fino in fondo prima di arrivare sul mercato. E questo è vero ovviamente anche per la nuovissima gamma di prodotti Baselayer. Ovvero, quell'importantissimo "primo strato" a diretto contatto con la pelle che decide il comfort e le prestazioni delle attività outdoor. Si tratta in definitiva di una seconda pelle che si propone di risolvere due fondamentali problemi di quanti praticano le attività outdoor: l'allontanamento rapido del vapor acqueo prodotto dal movimento (evitando così che "bagni" il tessuto) e allo stesso tempo mantenere un alto grado di termoisolamento. Vediamo allora la proposta di The North Face per la soluzione di questo quesito.

Baselayer in dettaglio
I capi intimi Baselayer della The North Face sono composti da filati in polipropilene. Attualmente questa microfibra è la più leggera sul mercato (pesa 25% in meno rispetto a quelle standard in poliestere), e ha delle caratteristiche termiche eccellenti, nonché la grande capacità di trasferire umidità dal corpo per facilitare l'evaporazione. Inoltre, il polipropilene utilizzato da The North Face è inattaccabile alla crescita di batteri e altri micro organismi causa dei cattivi odori che purtroppo hanno sempre caratterizzato questo tipo di indumenti. Per combattere questo "fenomeno" i tecnici hanno aggiunto ioni d'argento nella struttura del filo: essendo strutturali rimangono nel tessuto anche dopo il lavaggio, combattendo il cattivo odore. La gamma di intimo Baselayer è suddiviso in 3 diversi manifatture e pesantezze per offrire una soluzione ottimale per ogni tipo di attività e condizione climatiche: il Summit Series Seamless Baselayer, il Summit Series Baselayer e il Flight Series Baselayer. Andiamo ad analizzarli per ordine:

Summit Series Seamless Baselayer
Come dice il nome, questi capi hanno l'interessante caratteristica di essere costruiti senza cuciture, un plus sia per un elevato comfort, sia per un'elevata robustezza del prodotto. Inoltre, sono costruiti con delle tramature diverse per proteggere alcuni punti vunerabili del corpo: nella zona dei reni o le cosce il tessuto a coste offre un isolamento termico maggiore, mentre nelle altre sezione la tramatura rimane invariata. Ovviamente il tessuto è elasticizzato per garantire la massima libertà di movimento.

Summit Series Baselayer
Stesse caratteristiche che per il Summit Series Seamless Baselayer, ma con cuciture piatte che riducono il rischio di irritazione della pelle durante l'attività. A differenza del Seamless Baselayer questi capi hanno una tramatura uniforme sull'intero prodotto.

Flight Series Baselayer
Il più leggero strato proposto da The North Face, ma con le stesse proprietà termiche degli altri due.

In azione
Quello che impressiona sin da subito è il peso e l'ingombro di questi capi, davvero ridottissimo. Sembra quasi di non averli addosso, tanto che averli nello zaino per ogni evenienza diventa quindi molto facile nonché utile. Dopo averli usati per camminare (anche in quota) ed arrampicate possiamo dire che le capacità d'isolamento sono molto buone: non era mai troppo freddo né troppo caldo, quindi il comfort era ottimale. E' comunque sorprendente la velocità con cui evapora il sudore e la velocità con cui si asciugano completamente anche dopo il lavaggio. Come è molto buono il grado di elasticità del capo che agevola la massima libertà di movimento. A nostro avviso il "problema" del cattivo odore, tallone d'achille di questi fondamentali indumenti per l'outdoor, non è eliminato totalmente ma sicuramente non è nemmeno paragonabile ai prodotti delle generazioni passate. I capi Baselayer, inoltre, sono abbastanza piacevoli sulla pelle grazie alla particolare costruzione dei singoli filamenti a trama larga interna (fondamentale tra l'altro per isolare e trattenere il calore). A nostro avviso tuttavia forse questo, della piacevolezza, al tatto è forse l'unico punto sul quale ancora possono lavorare i tecnici The North Face.

Nel complesso quindi si tratta di un buon prodotto, in particolare ci sono piaciuti quelli che appartengono alla Summit Series Seamless Baselayer senza cuciture e con tramatura diverse per proteggere i punti deboli del corpo.

Condividi questa pagina

Scheda
The North Face
INFORMAZIONI

Tessuto: polipropilene
Taglie: S-XXL

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello