Home page Planetmountain.com

arrowLab arrowMateriali arrowBlack Diamond ATC Guide

Black Diamond ATC Guide

Introduzione (com’è nato l’ATC GUIDE)

Quanti hanno macinato corde e masticato secchielli per creste e pareti? E quanti di noi si sono chiesti imprecando: “ma perchè @*+°# nessuno crea un attrezzo completo, che permetta di assicurare il primo e recuperare il secondo o i secondi di cordata? così la facciamo finita con tutti questi ferri in giro per l’imbrago. In fin dei conti non ci vuole poi tanto: basta che creino un anello alla testa del mio benedetto secchiello, e vedi come ti paranco su anche un camion!” Volevate per caso sapere com’è nato l’ATC Guide? l’avete appena scoperto: un mix semplice ma efficace tra esigenze ed imprecazioni ;-)

Nel 1993 BD immette sul mercato il suo primo ATC (Air Traffic Controller). Poi dopo test massacranti su tutte le pareti del pianeta, un paio di anni fa Black Diamond ha creato l’ATC Guide. Un attrezzo completo, che finalmente permette di assicurare chi arrampica e di recuperare il secondo (o i secondi) di cordata, con ogni diametro di corda ed in ogni condizione. Un attrezzo pensato, progettato, creato e curato in ogni minimo particolare; proprio quei minimi particolari che da sempre hanno permesso a Black Diamond di distinguersi per passione e dedizione!

Le principali caratteristiche tecniche le conosciamo tutti, d’altra parte le abbiamo chieste noi (nel senso di noi arrampicatore alpinisti) alle aziende produttrici:
1) possibilità di assicurare il primo di cordata
2) funzionalità da discensore
3) possibilità di recupero del secondo o dei secondi di cordata
4) svincolo del secondo o dei secondi di cordata

Non sempre però, le aziende ci spiegano il perchè di alcuni dettagli tecnici. Per esempio: Cosa ha spinto Black Diamond ad utilizzare un determinato cavo metallico, con quel diametro anziché un altro? Perchè questo design? Non era forse meglio farlo in un modo anziché nell’altro? oppure con angoli diversi? Questa volta, Black Diamond ha deciso di raccontarci e motivarci, da dove derivano le scelte che hanno portato alla creazione di molti dettagli tecnici, che rendono unico l’ATC GUIDE.

Di seguito trovate un menù di degustazione alpinistica completo: dal primo, al secondo, con contorno e dessert, di piccoli e maniacali dettagli tecnici, tutto per voi (La carta dei vini scusateci, ma è a parte).

Il Ristorante Black Diamond oggi propone il menù: ATC GUIDE

Antipasti

CAVETTO.
In 15 anni di test sulle pareti di tutto il pianeta, possiamo serenamente ed umilmente dire che Black Diamond ha raggiunto la dovuta esperienza che l’ha portata ad ottenere il miglior compromesso tra materiale, flessibilità e diametro del cavetto. Tutti elementi molto importanti, volti a garantire il miglior compromesso possibile tra efficacia di utilizzo, e durata nel tempo.
Ma da cosa deriva “l’ampiezza” del cavetto? Perchè alcuni secchielli hanno cavi molto piccoli ed altri eccessivamente ampi?
L’ampiezza deriva dalla necessità di poter offrire la massima praticità all’assicuratore, nel dare corda in maniera pratica e veloce. Cosa che non sarebbe altrettanto possibile con ampiezze ridotte. Quante volte su terreno facile, su creste di misto o che altro, con corde ghiacciate o bagnate, abbiamo avuto la necessità di “dare” corda con maggiore velocità, permettendo una progressione più veloce e sicura del primo di cordata?
Un eccessiva ampiezza invece, comporterebbe il rischio di schiacciare continuamente il cavo sotto le corde, ed un maggiore ingombro sull’imbrago ed un inutile peso.


Primi Piatti

DOPPIA SOLUZIONE.
Perchè non hanno messo il cavetto in un’altra posizione, magari più aperta, oppure in diagonale? Già, perchè qualcuno di voi avrà sicuramente consumato il cavetto inavvertitamente in maniera errata, dando la colpa proprio alla posizione. Non è così, in Black Diamond sono maniaci del dettaglio, ed anche questo particolare ha il suo perchè.
La “posizione” del cavetto è stata appositamente studiata al fine di poter permettere una doppia possibilità di utilizzo dell’ATC GUIDE. Abbiamo di fatto la possibilità di gestire al meglio le corde, sia in fase di assicurazione del primo di cordata che in fase di corda doppia, a seconda del loro diametro e delle loro condizioni (bagnate, ghiacciate o eccessivamente usurate). Possiamo scegliere tra l’azione frenante dei denti (l’ MF: Multiple Friction), oppure utilizzare l’ATC GUIDE come un normalissimo secchiello. Su terreni esposti o con corde particolarmente sottili, sarà sicuramente apprezzata l’azione frenante dell’ M.F., ma quante volte ci è capitato su terreni di misto, o su cascate, di dover gestire le corde marce d’acqua del compagno di cordata, che hanno perso il loro trattamento dry la passata stagione e che ghiacciano prima ancora di scendere dall’auto? quante imprecazioni perchè le corde non scorrono tra i dentini, e non riusciamo a dare corda o a calarci in corda doppia? Ecco fatto, questa è la ragione per cui Black Diamond ritiene che il cavetto debba restare in quella precisa posizione. Efficace no?!


Secondi a base di carne

MULTIPLE FRICTION.
Il design delle “canaline” nelle quali inserire le corde, permette un range di utilizzo per diametri di corde che vanno dai 7.7mm delle corde gemellari, agli 11mm di corde singole. Se a questa elevata escussione di utilizzo dei diametri aggiungiamo in abbinata il sistema Multiple Friction, otteniamo il massimo controllo, quindi sicurezza, anche con corde gemellari. Il Multiple Friction è costituito da una tripla dentatura della cremagliera; una dentatura leggermente tondeggiante e con un angolo acuto sulla V che però non è completamente chiuso, al fine di permettere il miglior frizionamento delle corde, ma non un rischioso deterioramento delle corde.
Avrebbero potuto togliere un “dente” al Multi Friction, ma non avrebbe rallentato sufficientemente le corde più sottili, e magari nuove quindi molto scorrevoli. Oppure aggiungerne uno, e questo dai test effettuati in tutti questi anni, avrebbe comportato uno svantaggioso rallentamento in fase di esecuzione di alcune manovre a discapito della sicurezza della cordata, ed una eccessiva usura delle corde.


Secondi a base di Pesce

GUIDE MODE.
Guide Mode, nonché la possibilità di recuperare il/i secondo/i di cordata. E fino a qua che c’è di strano? nulla, se non che anche in questa fase, in Black Diamond hanno voluto curare ogni minimo particolare. Il design del divisorio centrale è leggermente più alto, circa 2mm, rispetto hai due profili laterali. Questa soluzione permette una equilibrata e sicura gestione delle corde del secondo di cordata, anche con diametri diversi, ed offre inoltre il grande vantaggio, di poter svincolare con maggiore controllo e facilità, quindi con maggiore sicurezza, una delle due corde. E’ quindi possibile recuperare un secondo di cordata ed al tempo stesso svincolare la corda dell’altro secondo di cordata, agendo semplicemente sul moschettone, il quale userà come fulcro proprio il design leggermente rialzato della sezione centrale dell’ATC Guide. (foto svincolo con moschettone). E perchè solo pochi millimetri? Perchè un divisorio troppo basso renderebbe troppo difficoltosa l’azione del moschettone in quanto non si avrebbe più il fulcro sul quale farlo ruotare, mentre se fosse eccessivamente alto, si creerebbe il rischio di scavallamento delle corde: nel caso in cui si stiano recuperando due secondi di cordata con due corde di diametro differente, la corda sottile rischierebbe di girare all’interno del secchiello e passare da autobloccante a discensore.... a 200km/h però!


Contorni

ANELLO DI SVINCOLO.
Cos’è quel piccolo foro posizionato in coda al secchiello? Quell’anello è stato appositamente creato col fine di poter svincolare il/i secondi di cordata, nella fase di recupero. La dimensione deriva dalle esigenza di:
1) evitare un erroneo utilizzo; allontanando il rischio di vincolare in modo scorretto l’ATC Guide al vertice della sosta;
2) avere al tempo stesso un foro resistente e che permetta il passaggio di un cordino di kevlar od eventualmente di una fettucce in dynema.


Formaggi

ANELLO DI VINCOLO AL VERTICE.
Il foro dell’anello che permette di vincolare l’ATC Guide al vertice della sosta, è stato ruotato di 90° perchè:
1) in fase di recupero, il secchiello vincolato al vertice resta sempre leggermente ruotato, questa soluzione permette di avere sempre sott’occhio tutta la catena assicurativa, in quanto abbiamo una visione completa dei moschettoni e delle corde
2) tale design, pur essendo molto costo, garantisce la maggiore resistenza in trazione


Dessert e Caffè

ALTEZZA e LUNGHEZZA.
L’altezza dell’ATC Guide, così come la sua lunghezza, derivano dalla necessità di voler rendere l’attrezzo il più maneggevole ed efficace possibile, al fine di agevolarne la gestione con ogni tipo di corda. L’altezza facilita l’invito delle corde nel secchiello in fase di assicurazione, in quanto aiuta ad incanalarle meglio. Un profilo eccessivamente alto sarebbe un “peso” inutile e creerebbe degli angoli svantaggiosi; mentre un profilo troppo basso, oltre a non incanalare perfettamente le corde, potrebbe portare in alcune situazioni allo strozzamento delle corde. Lo stesso ragionamento ha portato Black Diamond a stabilire una determinata lunghezza dell’attrezzo, in quanto se fosse eccessivamente minimalista, si creerebbero attriti edegli angoli svantaggiosi, che impedirebbero un adeguato scorrimento delle corde

Alberto Marazzi

 

Condividi questa pagina

Scheda
Black Diamond
INFORMAZIONI

ATC-Guide Black Diamond

peso: 102g

prezzo: 24,90

materiale: alluminio 7075-T6

colore: antracite


Links Expo.Planetmountain
Expo Black Diamond
Links www
www.bdel.com

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale