Home page Planetmountain.com

arrowLab arrowMateriali arrowDMM Phantom Quickdraw

DMM Phantom Quickdraw

Ormai è chiaro: negli ultimi anni la ricerca tecnica in montagna è sempre più orientata verso il veloce e l'ultra leggero. Quasi quasi non ci stupiamo più delle super performance che si riescono a realizzare in tutti gli ambiti del verticale, spaziando dalla falesia al livello mare fino a toccare quota quasi 9000 in puro stile alpino in Himalaya. Ma oltre ad essere davvero stupefacenti, tutte queste salite sono legate da un comune denominatore altrettanto incredibile: l’attrezzatura ultra-leggera e tecnologicamente all'avanguardia...

Ovviamente, in questo panorama, anche il semplice moschettone non è più un semplice moschettone. Negli anni si è evoluto in tutti i modi possibili, e ormai è difficile immaginare quanto e come può evolversi ancora. Certo, la ricerca per la leggerezza continuerà all'infinito, ma il focus verso l'utilità deve sempre rimanere una priorità. Ecco perché abbiamo deciso di provare il Phantom della storica azienda gallese DMM, un raffinato rinvio che unisce leggerezza, resistenza e utilità.

Phantom in breve
Tutti i moschettoni DMM sono disegnati e forgiati a caldo nella stessa fabbrica dell’azienda in Galles e questo permette un controllo totale della qualità del prodotto, dall’inizio fino alla fine. Ogni moschettone viene verificato almeno 14 volte durante la produzione. E il fatto stesso che siano forgiati a caldo permette, non soltanto di creare forme più complicate, ma anche di utilizzare leghe alternative. Il risultato è questo ultra-leggero Phantom che vanta una resistenza a leva chiusa di 23kN mentre a leva aperta segna uno strepitoso 9 kN (per capirci meglio, lo standard minimo richiesto dalla norma CE è di 20 kN a leva chiusa e minimo 7 kN a leva aperta).

Phantom in dettaglio
Inutile negarlo: il moschettone Phantom colpisce subito per la sua leggerezza di 26 grammi. In termini assoluti questo è un dato importante ovviamente, ma il Phantom è molto di più che un "super leggero". E colpisce anche (e soprattutto) per il design, la resistenza e l’ "usabilità", ovvero la facilità con cui la corda entra nel moschettone. Questo avviene in maniera fluida grazie alla leva Wire che è leggermente curvata per aiutare agevolare l’entrata nel moschettone e quindi facilitare e velocizzare il moschettonaggio.

La leva Wire ha un’apertura di 21mm che, pur non essendo enorme, è sufficiente per rinviare due corde gemelle. Inoltre, la "resistenza" della leva è tale da consentire un facile moschettonaggio sia delle protezioni (spit, dadi, friends ecc) sia della corda. Altro pregio delle leva Wire (rispetto alle leve tradizionali) è il fatto che ghiaccia con minore facilità alle basse temperature e (ancora più importante) si apre meno facilmente per le vibrazioni della corda causate da una caduta.

Molto interessante ed utile per aumentare la sicurezza è anche l'incavo per garantire che la corda si collochi sempre in maniera ottimale nel moschettone. E, parlando sempre di sicurezza: ad ogni lotto di produzione (500 pezzi) viene assegnato un codice unico composto di 3 lettere, che permette alla DMM di tracciare tutte le informazioni, dallo stato grezzo al prodotto finito, necessarie per un efficace controllo qualità.

Oltre che per la leva Wire, il Phantom si contraddistingue anche per la tecnologia I-Beam che, in pratica, significa un "dorso" del moschettone più largo solo lì dove serve, massimizzando così la resistenza e allo stesso tempo riducendo il peso fino al 20%. DMM è così sicura di questa nuova soluzione che, in futuro, tutti i suoi moschettoni saranno forgiati con questa tecnologia.

Altro aspetto interessante è il fatto che i moschettoni siano anodizzati in due colori diversi, grigio chiaro e grigio scuro, per differenziare tra il moschettone utilizzato per la corda e quello per lo spit o la protezione veloce. Questo garantisce che non si possa inavvertitamente inserire la corda in un moschettone che potrebbe avere dei graffi e/o dei possibile bordi taglienti causati dagli spit o dalle protezioni veloci.

La fettuccia
Il Phantom Quickdraw viene fornito con fettucce in Dyneema in tre lunghezze diverse: 12, 18 e 25 cm, ciascuno naturalmente per un uso diverso. Tendenzialmente per le vie a spit viene preferita una fettuccia corta, mentre per le vie lunghe o le vie tradizionale è preferita una fettuccia più lunga per ridurre l'attrito e per evitare che la protezione veloce "cammini" e venga via da sola per le sollecitazioni che riceve dalla corda. Per facilitare la ricerca rapida della lunghezza giusta e per agevolare il posizionamento dei rinvii sull'imbrago le fettucce sono codificate con tre colori diversi: oro (12 cm), argento (18 cm) e rosso (25 cm). Inoltre, all'interno dell'anello della fettuccia è posizionato un anellino di gomma per bloccare il moschettone sul lato corda per garantire che rimanga sempre posizionato nel modo corretto. Come anticipato, le fettucce sono in Dyneema di 11mm, che garantisce una grande durata mantenendo sempre una buona flessibilità. Inoltre, con 22 kN la resistenza della Dyneema 11mm è la medesima delle più tradizionali fettucce in Nylon da 16mm utilizzate su altri rinvii della DMM; il vantaggio sta ovviamente in questo caso nel ridotto peso.

Utilizzo
Come già detto, il Phantom colpisce per quanto è leggero, e questo si nota non tanto prendendo in mano un moschettone singolo, ma soprattutto quando sono attaccati all’imbrago una bandoliera di 15 rinvii. Partire con i Phantom su un tiro a vista sembra quasi di togliere un mezzo grado alla via… e si sa quanto è importante il fattore psicologico nell’arrampicata! I rinvii sono stati utilizzati in falesia con buoni risultati (ci siamo trovati bene sulle lunghe vie a-vista con, appunto, l’imbrago pieno di rinvii), e soprattutto su vie di più tiri con due mezze corde. I moschettoni si sono sempre comportati in maniera ottimale, e “moschettonare” le corde è risulatto sempre semplice.

In conclusione i Phantom consentono un guadagno in termini di peso davvero notevole, specialmente quando le salite sono lunghe e quindi richiedono molto materiale. Il Phantom è da considerarsi quindi un rinvio molto leggero e funzionale con ottime prestazioni, insostituibili soprattutto nelle vie tradizionali e per l'alpinismo.


Condividi questa pagina

Scheda
DMM
INFORMAZIONI

Peso moschettone: 26g
Apertura leva: 21mm
Resistenza a leva chiusa: 23 KN (CE standard EN12275 è 20 kN)
Resistenza a leva aperta: 9 KN (CE standard EN12275 è 7 kN)
Resistenza sull'asse minore: 7 KN (CE standard EN12275 è 7 kN)

Peso rinvio 12cm: 58g
Peso rinvio 18cm: 60g
Peso rinvio 25cm: 62g


Links Expo.Planetmountain
Expo Ferrino
Links www
www.dmmclimbing.com
www.ferrino.it
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
The Rectory e Castelton Tower
arch. Desert Sandstone Climbing Trip 2014