Home page Planetmountain.com

arrowLab arrowMateriali arrowFive Ten Anasazi

Five Ten Anasazi

Tutti i climber sanno bene l’importanza delle scarpette d’arrampicata. Sono un vero simbolo dell’arrampicata. Pensate al boulder: un paio di scarpette (ed eventualmente con un po’ di magnesite) e già si può arrampicare!

Così tanta è la loro importanza che, a volte, le scarpette diventano protagoniste di lunghe disquisizioni tra una via e l’altra, tra un riposo e l’altro. Sono discorsi e anche “dotte” esposizioni dove pregi e difetti vengono soppesati e approfonditi fino all’ultima variabile. Si parla di aderenza e mescola (morbida, dura, media). Di precisione della punta, laterale, su tacca o buchi. E poi si affronta anche il tema “tallone”, ovvero la “calzata” che è perfetta per un piede piuttosto che per un altro. Oppure la sensibilità in appoggio, con la punta che è millimetrica o rotonda o “disassata”… e ancora lunghe analisi e domande che fluttuano tra enigmi del tipo: le-riempio-bene, non-mi-trovo... fino all’improbabile e ormai antico “mi-fanno-male-ma-guadagno-un-grado”… e così via, come in un “mantra” infinito.

Bene. Se l’arrampicata si sposa con la scarpetta e se per il climber è così importante. E se è vero che più sono evoluti più gli arrampicatori hanno sensibilità e attenzioni per queste loro insostituibili compagne di parete e di sogni. Ci sembra interessante proporre quest’analisi di Simone Pedeferri (uno che di sensibilità in arrampicata ha dimostrato di intendersene) sulle sue Five Ten a ”tutto-campo”.


Le Five Ten by Simone Pedeferri - Gruppo Ragni della Grignetta
Uso le Five Ten dal 1997, e sono approdato a questo tipo di scarpe per la ricerca personale da me intrapresa sull’alta difficoltà. Avevo il problema di passare dal calcare al granito, ovvero da una roccia con appoggi quasi sempre netti o comunque visibili ad una dove il piede è spesso spalmato o alla ricerca di appoggi ridotti. Il bisogno di un sostegno maggiore lo soddisfai con le “Anasazi” coi lacci.

La qualità maggiore delle Five Ten è sicuramente la gomma Stealth che abbina un’aderenza eccezionale ad un consumo ridotto. E’ una gomma che mantiene le sue caratteristiche anche a temperature diverse (testata anche sulle grandi pareti dell’Algeria e del Mali, dove non si piegava neanche a temperature diurne sopra i 35 gradi…), non lasciandosi andare all’aumento della temperatura e non diventando legnosa col freddo - testata oltre i 6000 metri in Pakistan, sulla via “Qui io vado ancora” a 4700 metri in Perù, dove abbiamo scalato fino al 7c, in Patagonia e naturalmente su centinaia di vie sulle Alpi.

I diversi modelli cercano di soddisfare piante dei piedi diversi, io ho una pianta molto stretta e quindi mi trovo a mio agio con le versioni con i lacci, che peraltro sono molto versatili consentendomi di spingermi al limite dal boulder alla falesia alla montagna.

Un difetto delle Anasazi era nel tallone, piuttosto fragile, così diedi un suggerimento, ora adottato, per renderlo più stabile. La gommatura spessa, che ha il grande vantaggio del consumo ridottissimo e di resistere alla risolatura senza problemi (mentre la maggior parte delle scarpette sono praticamente sconvolte dalla risolatura), ha lo svantaggio di un ingombro in punta che nel caso di arrampicata su piccoli buchi, come a Finale, dà qualche problema.

Per gli strapiombi consiglio il modello Dragon, le 5.10 vanno comunque bene anche su questo stile ma sono anche più versatili. Ai principianti consiglio le Anasazi verde, molto comode, che ho anche utilizzato in montagna nella libera di tutte le vie di quest’estate. La tomaia è resistente e il basso consumo vi permetterà di usarle a più non posso nel vostro impegno al miglioramento.

Sulla suola, posso dire che anche le scarpe trekking della FiveTen hanno un’aderenza eccezionale e consentono di scalare su molte difficoltà, ideali in vie lunghe con tratti molto facili e qualche passaggio impegnativo. In Patagonia, sulla Guillamme, scalai a vista la via alla cima con difficoltà fino al 6c, senza mai togliermi le scarpe da trekking Five Ten.


Caratteristiche tecniche
Colore: Verde
Misure: US 4-13
Chiusura:allacciatura
Tomaia: Cowdura sintetica foderata
Intersuola: a meta
Suola: Stealth Onyxx


Links Expo.Planetmountain
Anasazi Expo.Planetmountain.com
Links www
www.ragnilecco.com
www.fiveten.com
www.vikingnordpool.com

Condividi questa pagina

Scheda
Five Ten
INFORMAZIONI

Anasazi
Colore: Verde
Misure: US 4-13
Chiusura: allacciatura
Tomaia: Cowdura sintetica foderata
Intersuola: a meta
Suola: Stealth Onyxx


Galileo

 Tomaia: Cowdura sintetica foderata, No Stretch
Chiusura: VELCRO®
Linguetta: imbottita
Suola Stealth: ONYXX



Guide Tennie
- Tomaia con rinforzi in pelle
- Suole Stealth® C4 a puntini
- EVA intersuola
- Bordo tecnico in gomma
- Rocker incorporato
- Allacciatura dalla caviglia alla punta per miglior performance


Links Expo.Planetmountain
Anasazi Expo.Planetmountain.com
Links www
www.ragnilecco.com
www.fiveten.com
www.vikingnordpool.com

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara