ICE HOME
CASCATE DI GHIACCIO

Italia - Estero

GRANDI CIME

Alpi

COMPETIZIONI

Risultati e calendario

'99 - '00
 
Spedizioni
Libri, Guide, Video
Interviste
Posta
Weblink
Forum
Search
Monte Bianco goulotte
  prev

next  

  indice itinerari
  info

Versante
parete Est
Altezza
4248 m

lunghezza
500 m
Difficoltà
III/5+

Mont Blanc du Tacul

  un click per ingrandire


Mont Blanc du Tacul

Mathias Bastrenta impegnato sulla
Modica-Noury (foto M. Giglio).

di Matteo Giglio

gruppo: Monte Bianco
cima: Mont Blanc du Tacul
via: Modica-Noury
 
Introduzione
Sicuramente una delle più celebri goulotte del massiccio. Quando è ben formata propone alcune lunghezze particolarmente belle. Dopo trecento metri di canale facile, in comune con Albinoni-Gabarrou, si insinua in un profondo colatoio molto suggestivo.

Accesso generale
Da Courmayeur (raggiungibile percorrendo l'autostrada per il traforo del Monte Bianco) si imbocca a destra la Val Ferret fino al villaggio di La Palud da dove parte la funivia per il rif. Torino e Punta Helbronner.
Da Chamonix in funivia all'Aiguille de Midi (stazione partenza in centro paese) e quindi con telecabina a Punta Helbronner.

Accesso
Dall'Aiguille de Midi seguire la prima parte della Vallée Blanche e portarsi a destra alla base della Punta Lachenal. Di qui si risalgono i moderati pendii che portano alla base del canale iniziale.
Ore 0.45.



Mappa
mappa monte bianco

  un click per ingrandire

   

Salita
Dopo aver superato la solita crepaccia terminale dove meglio si presta, si percorre il facile canale con cinque lunghezze di corda utilizzando le soste attrezzate sulla destra. Giunti ad una biforcazione si prosegue a destra, tralasciando a sinistra l'Albinoni-Gabarrou, per sostare alla base della goulotte vera e propria. Una lunghezza di difficoltà classica conduce alla base del tratto più ripido della salita. Lo si percorre interamente fino a sbucare - con un passaggio assai delicato e difficile da proteggere - nel luogo dove è attrezzata la sosta. Un tiro abbastanza facile conduce infine alla base dell'ultima difficoltà. Si tratta di un corto muretto verticale che, a seconda delle condizioni, può presentare anche un passaggio strapiombante ottimamente protetto da un nut incastrato. Giunti in sosta, si può continuare con una lunghezza di misto fin sulla cresta oppure - come la maggior parte delle cordate - scendere in doppia.

Discesa
Si scende lungo l'itinerario di salita con dieci doppie attrezzate.


Bibliografia e cartografia
F. Damilano e G. Perroux, Neige, glace e mixte, Editions ice connection, Chamonix 1996; Igc 1:50.000 n°4 Massiccio del Monte Bianco.

| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.