Home page Planetmountain.com

arrowIce arrowItinerari arrowLa DaMa

La DaMa

Primi salitori: Daniele Frialdi, Marco Verzeletti 02/11/2014
Scheda a cura di: Daniele Frialdi
Area: Alpi Centrali, Gruppo: Adamello - Presanella, Cima: Adamello, Quota: 3554m, Stato: Italia, Regione: Lombardia

Salita impegnativa e di grande impegno, in piena parete, circondati da un ambiente tanto severo e solitario quanto magico ed attraente, aperta da Daniele Firaldi e Marco Verzeletti nel novembre 2014.

ACCESSO

Dal rifugio Garibaldi (2550m, raggiungibile dal paese di Temù lungo la strada sterrata della val d’Avio che, in assenza di neve, porta fino a malga Caldea dove si parcheggia), attraversare la diga e prendere il sentiero che sale verso destra. Una volta scollinato abbandonare presto il sentiero (che continua spostandosi a destra) ed accentrarsi sulla morena cercando la via migliore che porta al ghiacciaio ai piedi della parete (1,5 ore dal rifugio a seconda dell innevamento). Risalire il pendio nevoso del ghiacciaio puntando verso il centro della parete. La via attacca sulla verticale della cima dal canale più piccolo a sinistra rispetto al grosso ed evidente conoide alla base della parete dove attacca la via Aldo Parolari (2-2,5 ore dal rifugio). La porzione di parete è quella compresa tra i due spigoli nord della stessa.
Note: Via impegnativa e di soddisfazione che si sviluppa lungo le placche e le goulotte al centro della parete nord, sulla verticale della cima fino a quando, nella parte alta, devia a sinistra finendo sulla cresta dalla quale, con un logico traverso di 50m, ci si ricongiunge agli ultimi 4 tiri di ‘Hallo woman of my dreams’. In apertura abbiamo trovato la parete con poca neve e poco ghiaccio (spesso pochi cm tanto da non riuscire mai ad utilizzare viti lungo tutta la salita) ma lo strato presente sui pendii era sufficientemente portante. I lunghi tratti di placche ripide che caratterizzano l’itinerario necessitano di una attenta valutazione delle condizioni della neve che le ricopre. In via abbiamo lasciato pochissimo materiale (5 chiodi in tutto, di cui tre alle soste e due sui tiri e una fettuccia di sosta su spuntone) anche nell’ottica di mantenere lo stile che caratterizza tutte le vie presenti sulla parete.

ITINERARIO

L1: Risalire il primo pezzo di pendio aggirando l’enorme roccia che divide i due canali e, se necessario in caso di poco innevamento, sostare sulla dx sotto un tettino. Aggirare il tettino con un breve risalto di neve (75°) e portarsi nella parte alta all’inizio del grande pendio. Proseguire pressoché dritti lungo pendii a 70°-75° su neve-ghiaccio delicati con brevi risalti ad 80°-85° per circa 200m (possibilità di 2 soste intermedie su roccia) fino a puntare ad un evidente isolotto roccioso leggermente a sx dove il pendio si impenna maggiormente. Sostare in corrispondenza di un chiodo con cordino verde. 200m, neve-ghiaccio 70°-75°, passi a 80°-85°, possibili soste intermedie.
L2: Dalla sosta seguire i risalti di neve-ghiaccio (80°-85°) che man mano si accentrano leggermente costeggiando le rocce a sinistra. Proseguire dritti per pendio (85° breve risalto a 90°) fino a lasciarsi sulla sx un risaltino roccioso oltre il quale si obliqua leggermente a sinistra (70°) puntando ad un evidente roccia dove si sosta. Sosta comoda da attrezzare su friend in ottima fessura . 55m, neve-ghiaccio sottili 80°-85° passo 90°.
L3: Dalla sosta proseguire dritti (non andare a sinistra verso i pendii/risalti di neve più evidenti) su nevaio (60°) puntando ai risalti che conducono sotto al grosso masso centrale che forma una sorta di tetto obliquo (75°-80° fino all’inizio del tettino). Proseguire lungo la placca nevosa (delicato, 80°-85°) in obliquo verso destra  sotto al tetto fino al termine dove si sosta in corrispondenza di un chiodo (sosta scomoda). 50m,neve 60°, M, neve-ghiaccio 75°-80° poi 85° sulla placca.
L4: Tiro stupendo. Dalla sosta, partenza in traverso di un metro verso dx. Con un passo molto delicato (M5, chiodo) sfruttando un netto cornetto di granito al centro di una placca traversare un paio di metri fino all’inizio di un diedro nevoso aperto. Risalire il diedro (3-4m, 80° neve sottile) fino a dove è sbarrato da un piccolo tetto roccioso. Con passo difficile e molto delicato (M6) superarlo accentrandosi verso destra (unica protezione possibile un chiodo a lama da piantare scomodamente  in fessura a sx del tetto prima di iniziare ad accentrarsi) fino a portarsi sulla verticale della splendida goulotte soprastante. Con un paio di risalti delicati portarsi nella goulotte (bellissima, neve incollata, l’abbiamo denominata “la piccola Beyond”) e salirla interamente (80°-85° breve risalto a 90°) fin quando la pendenza diminuisce (75°). Proseguire sul pendio ora più dolce e sostare pochi metri prima della fine della fascia rocciosa che lo costeggia sulla dx. Sosta da attrezzare su roccia non buona. Fessure svasate, utili chiodi. 55m, M5, M6, neve 80°-85° passo a 90°, un chiodo.
L5: Proseguire nel canale-goulotte costeggiando la fascia rocciosa fino al termine. Entrare nella parete nevosa a destra dello sperone roccioso soprastante e proseguire per placche di neve-ghiaccio delicato (70°-75°) seguendo la logica che permette di aggirare rocce e risalti rocciosi con una parabola verso destra che rientra poi verso il centro più sopra, circa all’altezza della fine dello sperone roccioso di sx. Sostare nei pressi di un piccolo gradino roccioso, un chiodo. (in presenza di tanta neve la sosta potrebbe essere non visibile) 55m, M, Neve-ghiaccio sottile  70°-75°
L6: Dalla sosta rimontare sul pendio soprastante con breve risalto ad 80°e proseguire dritti per circa 150m (possibile sosta dopo circa 60m su roccia se si vuole evitare la conserva) puntando alle evidenti enormi placche grigio chiaro che sbarrano la strada al termine del nevaio (possibile ulteriore sosta su roccia 30-40m prima di raggiungere le placche).  Sostare sulla placca (fessure) 150m, M, neve-ghiaccio sottili  70°-75°. Possibilità di due soste intermedie.
L7: Dalla sosta proseguire in obliquo verso sinistra lungo una rampa di neve e ghiaccio molto sottili che costeggia le placche(65°-70°) puntando ad una  spaccatura intasata di neve che si impenna verso la cresta e finisce in un netto ed inconfondibile intaglio stretto ed alto sulla cresta stessa. Sostare al termine della rampa poco prima dell’inizio della spaccatura. Sosta da attrezzare su spuntone roccioso (conservare i friend per il tiro successivo). 30m, M, neve-ghiaccio sottile 65°-70°
L8: Tiro chiave della via. Risalire la placca di neve incollata (delicata) che dopo poco porta all’inizio della spaccatura che si segue con arrampicata molto delicata e tecnica (M6+) con i piedi che lavorano spesso in placca. In apertura la neve sulla placca era spesso inconsistente e quindi alcuni passi risultavano estremamente complicati. Passaggio molto duro a metà tiro per tratto di placca rocciosa liscio senza neve. In apertura passo delicato in artificiale (M6/A1) con piede in cordino su friend per equilibrio . Lungo il tiro ci si protegge spesso in posizioni molto delicate e scomode. Seguire la spaccatura fino al termine quando diviene camino stretto (M5+) ed esce su un pendio (75°) che in breve porta dritto alle rocce della cresta dove si sosta. Fettuccia bianca-rossa lasciata su enorme scaglia staccata. Tiro molto continuo e psicologico ma stupendo. 55m, M6+, 1 passo M6/A1, M5+, neve 75°, 1 chiodo.
L9: Aggirare lo spigolo roccioso della cresta sulla sinistra e dopo aver risalito per un paio di metri traversare in leggera discesa verso sinistra su pendio di neve esposto fino a ricongiungersi al pendio di neve sottostante e sostare all’inizio di una stretta goulotte in prossimità di un chiodo. Sosta in comune con HALLO WOMAN OF MY DREAMS. 50m, neve 60°-65°.
Da qui si prosegue seguendo le ultime 4 lunghezze della via Hallo woman of my dreams.
L10: Salire nella stretta goulotte fino a quando è sbarrata da un grosso sasso piatto. Rimontare a destra del sasso e poi, giunti sul piccolo pianoro soprastante, superare lo strapiombo passando sulla sx (un chiodo) e sostare appena sopra (sosta da attrezzare). 55m, M5, un chiodo.
L11: Proseguire nella goulotte a destra della sosta e, con un breve risaltino portarsi sul pendio superiore fino ai piedi di un evidente camino con strapiombo roccioso. Sostare all’inizio del camino. 40 m, M4, neve 70°.
L12: Proseguire nel camino ed affrontare lo strapiombo roccioso (V) con buoni appoggi per i piedi. Rimontare sfruttando la toppa di neve sopra lo strapiombo. Ristabilimento complicato in stretto camino verso sx (un tricam incastrato). Proseguire nel camino goulotte per risalti dino al termine dove si sosta alla fine di un breve pendio sulla dx (1 chiodo). 50m, V, M5 un tricam incastrato.
L13: Dalla sosta proseguire per la goulotte ora molto larga e dopo una serie di risalti (fino a 75°-80° nella parte centrale)raggiungere con un pendio a 65° la cornice di neve che si passa nel punto più debole rimontando sulla cresta. Scendere qualche metro dalla parte opposta e sostare su roccette.  40m, M, risalti 75°-80°, neve 65°.
Raggiungere comodamente la vetta che si trova 50 metri sulla destra (uscendo dalla via).

DISCESA

Dalla vetta scendere la cresta verso est (ripassando dall’uscita della via) e seguirla fino ad incontrare delle corde fisse che in breve portano sul pian di neve sottostante. Proseguire contornando sempre verso est la fascia rocciosa alla nostra sinistra e risalire leggermente fino al passo degli inglesi, sella facilmente individuabile che sta tra la cima del falcone e la cresta del corno bianco (0,30 dalla vetta). Dal passo scendere nuovamente verso nord con 3 corde doppie attrezzate (la prima a sinistra faccia a monte, le altre due a destra) oppure disarrampicando all’indietro fino al ghiacciaio. Da qui, con percorso non obbligato, puntare ad abbassarsi verso le dorsali sottostanti che riportano al rifugio Garibaldi (se non c’è neve puntare alla evidente crestina rocciosa 2-300 metri più in basso, raggiungerla e seguirla fino al termine).

MATERIALE

Serie completa friend BD fino al 3, 2 micro-friend, scelta varia di chiodi da roccia (2 chiodi a lama necessari), scelta di nut, 2-3 viti corte (in apertura non usate), cordini x soste, 2 corde da 60m.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "La DaMa"

Nessun commento per l'itinerario La DaMa

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

ED, V, WI 5, M6+

VERSANTE

Nord

LUNGHEZZA DISLIVELLO

700m + 180m di Hallo Woman of my dreams

PDF

La DaMa

LINK ZONA

Vai all'articolo

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA cascate di ghiaccio

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria