Home page Planetmountain.com

arrowIce arrowItinerari arrowL'Onda di Hokusai

L'Onda di Hokusai

Primi salitori: Andreas Tonelli e Philipp Angelo il 5 e 16/03/2013. Prima ripetizione: Thomas Gianola & Klaus Baumgartner 16/03/2013
Scheda a cura di: Andreas Tonelli & Philipp Angelo
Area: Dolomiti, Gruppo: Catinaccio, Cima: Molignon di Dentro 2852m, Stato: Italia, Regione: Trentino - Alto Adige

Il complesso roccioso del Molignon domina sull'alta Val Duron con un’imponente parete e delimita a sud l'Alpe di Siusi. La via corre sul lato orientale della bastionata e termina subito a destra della cima del Molignon di Dentro. Si tratta di una linea di ghiaccio unica nel suo genere nelle Dolomiti, una vera parete nord in stile Alpi occidentali che per bellezza e sviluppo potrebbe tranquillamente trovarsi nel massiccio del Monte Bianco. Gran parte della linea è nascosta dietro un avancorpo roccioso/diedro, il che rende la via difficilmente riconoscibile dalla Val Duron. Un stupendo viaggio verticale, lungo ed impegnativo in un ambiente grandioso e selvaggio.

ACCESSO GENERALE

Dall'Alpe di Siusi: Con la macchina da Castelrotto o Siusi seguire le indicazioni per l’Alpe di Siusi. Continuare fino a Compatsch e possibilmente fino a Saltria (Hotel Tirler). Tener conto che il transito fino all’Alpe di Siusi è vietato tra le 09:00 e le 17:00 (funivia sostitutiva) e l‘accesso fino a Saltria e l’Hotel Tirler è consentito senza permesso solamente la sera dopo le 17:00.
Dalla Val di Fassa: in macchina fino a Campitello di Fassa, ampi parcheggi.

ACCESSO

Dall'Alpe di Siusi: Dall’Hotel Tirler (1741m) seguire le indicazioni per il Rifugio Molignon. Si segue la forestale/pista da slittino per 200m di dislivello e dopo ca. una mezz’ora-quaranta minuti si giunge ad un tornante dove si prosegue diritti su traccia in direzione del Passo Duron (Mahlknecht Joch). Dopo un’altra mezz’ora si giunge al Passo Duron (2168m). Ora l'imponente muraglia rocciosa del Molignon si presenta in tutta la sua bellezza. La via corre sulla sinistra del massiccio e termina sulla lunga cresta nevosa subito a destra del Molignon di Dentro (anche se da qui non sembra, è la cima più alta della catena). L’attacco della via, ovvero la prima colata, non è visibile da questo punto e anche tutta la parte centrale della via è nascosta dietro uno sperone di roccia. Dal Passo Duron si scende per ca. 100m di dislivello normalmente lungo tracce di ciaspolatori/scialpinisti verso la Malga Docoldaura (2046m). All’altezza della Malga si prosegue verso destra, si attraversa il fiume e si continua in direzione della parete puntando ad un canale sul lato sinistro della valle (destra orografica) che conduce alla base dell’attacco. Dal Passo Duron calcolare ca. un’ora/ un’ora e mezza. In alternativa è possibile partire da Compatsch seguendo le indicazioni per il Rifugio Molignon e successivamente il passo Duron. In questo caso il percorso si allunga di ca. 30 Minuti.
Tempo accesso totale: 2.5-3h
Dalla Val di Fassa: partendo da Campitello (1414m) seguire le indicazioni per la Val Duron e in seguito risalire l’intera valle passando dal Rifugio Micheluzzi (1860m, 1.5 ore) fino alla Malga Docoldaura (2046m, ca. 2 ore). Poi vedi sopra!
Tempo accesso totale: 2.5-3h

ITINERARIO

Vedere relazione!

DISCESA

Doppie lungo la via. Le prime tre soste dalla cima sono attrezzate con 2 chiodi ciascuna. Le altre calate vengono effettuate su abalakov. Neccessarie 9/10 calate da ca. 50/60 m + alcuni tratti sui pendii nevosi da scendere a piedi.

MATERIALE

Normale dotazione da cascata, 10 viti da ghiaccio, set di chiodi, 3 friends medi, parecchi cordini da lascio per le calate su abalakov, 2 corde da 60m.

NOTE

Per ripetere la via sono necessarie circa 6/9 ore. La via è lunga ed impegnativa, da non sottovalutare! Calcolare almeno 2 ore per la discesa! Per rendere l’accesso meno faticoso conviene pernottare al Rifugio Molignon (Alpe di Siusi) oppure al Rifugio Micheluzzi (Val Duron). Non sottovalutare il rischio valanghe nel canale d’accesso e lungo i pendii nevosi!

Via dedicata a Manuel Moroder, quindicenne alpinista gardenese morto sotto una valanga al Monte Pic il 3 febbraio 2013 e a Giulio Longatti, 37enne alpinista Bolzanino travolto da una valanga sul canale Est del Gran Zebrù il 16 marzo 2013.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "L'Onda di Hokusai"

Nessun commento per l'itinerario L'Onda di Hokusai

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

WI5+, 60°, M3

VERSANTE

Nord-Est

LUNGHEZZA DISLIVELLO

650m (750m sviluppo)

LINK ZONA

Vai all'articolo

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA cascate di ghiaccio

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
Salewa # Giacca Salewa Kali
Giacca Salewa Kali
Wild Climb # Pantera Velcro
Pantera Velcro
Marmot # Tour Pro Pant
Tour Pro Pant
La Sportiva # Primus Hoody
Primus Hoody
Icebreaker # Mens Atom LS Zip Hood
Mens Atom LS Zip Hood
Arc'teryx # Quintic 28 / 38 L
Quintic 28 / 38 L
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
L'ultimo tiro della Via dei Ragni, Cerro Torre
archivio Cominetti, Lucco, Salvaterra